Divano Florence , fusione di eleganza e funzionalità

 

 Divano Florence fusione di eleganza e funzionalità

Questo divano rappresenta in assoluto la migliore espressione del design minimalista e geometrico del periodo del Movimento Moderno  del dopoguerra.

Il divano Florence è come un Bignami del design, un condensato delle ispirazioni e dei pensieri dei piu’ grandi progettisti e designer del secolo scorso. Scopriamo insieme perché e poi vediamo  anche come è costruito il divano Florence.

Un pò di storia

Il divano Florence e la sua linea completa con poltrona e tavolini furono progettati nel 1954 dalla designer americana Florence Schust. Florence studiò architettura presso la Cranbrook Academy nel Michigan dove fu allieva di Eliel Saarinen ( madre di Eero) e di Mies van der Rohe .

Per un breve periodo lavorò anche con maestri del movimento Bauhaus quali Marcel Breur e Walter Gropius. Con questi mentori è facile intuire  quale direzione avrebbero preso i futuri progetti della designer.

Quando Florence sposò nel 1946 sposò lì imprenditore Hans Knoll diede vita ad un sodalizio commerciale  fondando la famosa Knoll Associates azienda nela quale poi collaborarono attivamente Eero Saarinen  , Ludwig Mies der Rohe e Harry Bertoia

Florence Knoll  ( successivamente Florence Bassett  dopo la morte prematura di Hans Knoll) non amava che la definissero designer di mobili, piuttosto preferiva essere  riconosciuta una progettista di ambienti dove erano necessari dei ” riempitivi ”

Questi riempitivi sono sedie, mobili, divani e scrivanie da lei disegnati che hanno contribuito a creare uno dei design piu’ innovativi per arredo ufficio e casa del periodo post- bellico.

Tra questi ovviamente il suo divano .

D’altra parete Florence non concepiva l’ idea di un divano dove sprofondare o addirittura appisolarsi. Il divano serviva per sedersi, punto . Da questo presupposto nasce il divano dalle linee geometriche composte che conosciamo ancora oggi.

Sono notevoli le influenze dei suoi mentori in questo progetto. La trapuntatura dei cuscini di seduta ricorda da vicino la poltrona Barcellona di Mies Van der Rohe , l’ acciaio cromato della base ( sistematicamente usato da quasi tutti i ” maestri ” che solleva la parte imbottita che sembra  cosi’ fluttuare sul pavimento, e il minimalismo generale che sfocia soprattutto nell’esile bracciolo considerato come un terminale del divano che come un vero bracciolo.

 

Come è costruito un divano Florence ?

Ma come deve essere fatto un divano Florence ?

Quali sono le modalità di costruzione e quali elementi lo caratterizzano ?

Poltrona Florence , divano Florence due posti , divano Florence 3 posti , hanno lo stesso procedimento di lavorazione.

 

 

La parte interna del Florence è in legno massello di faggio .

 

La base della struttura è attraversata da molle chiamate ” molle greche ” che a differenza dell’ intreccio delle normali  cinghie elastiche che generalmente si usano in questi casi,   conferiscono alla seduta un confort di un altro livello e una maggiore durata nel tempo.

 

 

 

A sua volta le cinghie sono coperte da una tela poliuretanica

ad altissima tensione e resistenza prima della copertura con poliuretano espanso densità 40

 

 

Molto importante è il riporto di una striscia di poliuretano ” agglomerato”  quindi molto dura che percorre il perimetro superiore braccioli-spalliera che permetterà al bordino  del rivestimento in pelle di stare steso e schiacciato ( lo vedremo tra poco)

 

Altra caratteristica che contraddistingue il divano Florence ( e che a prima vista non si nota e non si puo’ capire) è il fissaggio dei cuscini delle spalliere alla scocca in legno posteriore .

 

Per fissaggio non s’ intende il classico velcro maschio che si appiccica al velcro femmina,( il normale  strap per intendersi). No, all’ interno del cuscino della spalliera è inserita una tavola di legno

che serve per essere ” bullonata” al retro della scocca.

Togliendo i sedili quindi la spalliera del divano Florence rimane come ” sospesa” e ben attaccata al retro del divano.

Questo fa in modo che , una volta che ci si appoggia sedendosi sul divano ,  il cuscino non si sposti e rimanga fermo in posizione eliminando quella fastidiosa sensazione di sentire dietro le spalle un cuscino che si muove .

Oltretutto non avrai mai modo di trovare scomposti i cuscini del tuo divano Florence e non ci sarà da perdere tempo per risistemarli…

 

Il rivestimento in pelle o stoffa

Sia il rivestimento in pelle che in stoffa presentano determinate e importanti particolarità

I cuscini della spalliere e dei sedili sono formati da riquadri assemblati uno per uno con una cucitura semplice mentre sono rifiniti nel loro perimetro esterno con bordino dello stesso materiale

Ad ogni incrocio dei riquadri viene inserito un bottone foderato della stessa pelle del rivestimento della poltrona e del divano

 

Florence .

Nei modelli in stoffa spesso questo bottone non  c’ è ed è sostituito  da una semplice impuntura

 

La parte superiore e laterale dei braccioli e della parte posteriore della scocca  del divano Florence è percorsa  da due bordini paralleli  posizionati in modo ” schiacciato ” rispetto alle fasce del rivestimento cui sono cuciti .

 

La loro permanenza in questa posizione è favorita anche dalla striscia di poliuretano agglomerato molto duro che abbiamo visto in precedenza. In qualsiasi altro caso infatti , durante l’ uso, il bordo potrebbe perdere la sua linearità e diventando automaticamente antiestetico.

 

 

 

La base

La base è la cornice del divano Florence e corre come tale corre  lungo il suo perimetro sottostante . Essa è costituita da un quadrello di acciaio ( attenzione non ferro , ma acciaio) 20 mm x 20 mm cromata e lucidata a specchio.

Le saldature tra un pezzo e l’ altro sono praticamente invisibili grazie alla estrema cura della polimentatura prima del bagno di cromo a tripla placcatura ( sgrassaggio, nichelatura , cromatura)

Nel divano a tre posti  Florence ( lungo 222 cm ) la base ha due piedi centrali uno ciascuno per la parte anteriore e posteriore.

 

 

Quali arredi abbinare al  divano Florence 

Inserire il divano Florence nel tuo  living o nel tuo  ufficio non solo permetterà di portare ad un altro livello il grado di design dell’ ambiente ma faciliterà notevolmente la scelta degli elementi accessori che gli faranno da contorno.

 

Se vuoi abbinare una o due poltrone al divano Florence potrai scegliere oltre alle stesse poltrone Florence anche e soprattutto la poltrona Barcellona che sembra essere veramente la scelta preferita da gran parte degli interior designers.

 

 

Parlando invece di  tavolini sono ben indicati gli stessi tavolini Florence sia essi quadrati o  rettangolari con piano in vetro o marmo.

 

Non male anche la coppia di tavolini laccio come forma rettangolare oppure il tavolino Barcellona con piano quadrato in vetro da ubicare anteriormente il divano

Anche i tavolini tulip tondi o ovali sono possono essere inseriti con facilità ai lati delle poltrone o del divano Florence stesso come servo appoggia bicchieri o bottiglie.

E per completare il living ideale con il divano Florence come non immaginare dietro o nelle vicinanze dello stesso la credenza Florence con l’ identica  tipica base in acciaio e le sue numerosi varianti  di colori e di  finiture con cui puo’ essere realizzata.

 

Varianti del divano Florence

Il divano due posti Florence misura 158 cm e il divano tre posti Florence 222 cm ma queste  lunghezze possono essere personalizzate in qualsiasi misura .

Non solo, noi di Instant Design possiamo realizzare divani Florence angolari, con penisola destra o sinistra , con poggiapiedi quadrati o rettangolari secondo le tue esigenze.

Ed è inutile aggiungere che anche la tappezzeria del divano  ha una miriade di possibilità di scelte cromatiche  e tipologie di rivestimenti. 

Quindi dai libero sfogo alla tua fantasia , immagina il tuo divano Florence liberandolo dai soliti schemi e poi chiedici un preventivo senza impegno.  Poterlo realizzare sarà per noi un vero piacere !

E tu , cosa ne pensi del divano Florence ? e come lo immagini in casa tua ? Con quale rivestimento e quali colori lo vorresti vedere realizzato?

Fammelo sapere nei commenti !

A presto

Fabio

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *